Esiste una stretta relazione tra Finanza e la Brand Reputation della Tua Impresa?

Esiste una stretta relazione tra Finanza e la Brand Reputation della Tua Impresa?

La gestione della reputazione aziendale è un tema spesso tralasciato e poco attenzionato nella gestione del business nelle imprese, soprattutto da quelle meno strutturate e per questo motivo: le più esposte!

Secondo la Banca d’Italia, il rischio reputazionale è il rischio attuale o prospettico di flessione degli utili o del capitale derivante da una percezione negativa dell’immagine dell’azienda da parte di clienti, controparti, azionisti, investitori o autorità di vigilanza.

La Tua Reputazione Aziendale, se lesa, potrebbe compromettere la credibilità della Tua impresa e con essa quindi la competitività e l’affidabilità relativa ai prodotti e servizi collocati nel mercato, producendo così un inevitabile impatto sotto il profilo economico e finanziario.

Quanto influisce la reputazione di un’azienda sul cliente finale?
Il Reputation Institute, un osservatorio specializzato nella misurazione e gestione della reputazione aziendale, ha misurato “quanto influisce la reputazione di un’azienda sul cliente finale”.
Dall’esito dell’analisi emerge come non sia più il prodotto a differenziare aziende competitor ma bensì la reputazione che queste sono riuscite a trasmettere ai potenziali clienti..

La percezione di questo rischio da parte della Tua Impresa ed l’attuazione di misure preventive contribuiscono ad aumentare la protezione ma anche a ridurre, qualora fossi vittima, gli oneri per tutte quelle attività di gestione e ripristino.

La Finanza dinamica e quindi l’insieme delle attività svolte valorizzando le competenze del credit management, permettono di elevare un imponente scudo protettivo rendendo così la Tua impresa meno vulnerabile ed esposta a potenziali rischi.

L’alveo dove applichiamo particolare attenzione nella nostra attività di Mizuya è quello riferito ai Tuoi Clienti ed ai Tuoi fornitori: entrambi possono essere vittime di quello che viene definito Muling.
Sempre più spesso, vengono effettuate transazioni e disposizioni di pagamento sfruttando l’identità di soggetti “ignari di commettere un reato” e che, in cambio di una commissione a loro favore, si sono trasformati in “money mule”.

Per comprendere il fenomeno del Muling facciamo riferimento all’ottava edizione dell’operazione Emma (European money mule action), con la quale le Forze di polizia dell’Italia e di altre 24 nazioni, hanno preso di mira le transazioni fraudolente messe in atto dai “money mules”.
“L’operazione, che per l’Italia è stata condotta dalla Polizia postale e delle comunicazioni, ha riguardato complessivamente 1.340 transazioni fraudolente; sul nostro territorio nazionale sono stati identificati 653 money mules, e questo ha permesso di prevenire ulteriori frodi di “Financial cybercrime” che avrebbero fruttato circa 5,3 milioni di euro…..
L’attività ad alto impatto delle cyber polizie durata circa tre mesi, ha coinvolto le polizie di 17 Paesi dell’Unione europea (Italia, Austria, Bulgaria, Cipro, Estonia, Grecia, Irlanda, Olanda, Polonia, Portogallo, Romania, Repubblica Ceca, Slovenia, Svezia, Spagna, Slovacchia, Ungheria) oltre che di Moldavia, Svizzera, Regno Unito, Australia, Singapore, Hong Kong, Colombia e Stati Uniti d’America, sotto il coordinamento di Europol e con il supporto di Interpol, Eurojust e della Federazione bancaria europea (Ebf). In questa fase sono state eseguite numerose operazioni di polizia giudiziaria nei confronti di gruppi criminali di diverse nazionalità responsabili di cybercrimini finanziari ai danni di singoli cittadini, piccole e medie imprese, gruppi bancari e di intermediazione finanziaria….I numeri complessivi dell’operazione: anche grazie al supporto di oltre 1.800 istituti bancari e altre istituzioni finanziarie, sono state individuate 4.089 transazioni bancarie fraudolente, e avviate oltre 1.600 autonome indagini, riuscendo a prevenire frodi per un danno stimato di circa 17,5 milioni di euro. Più di 8.755 i muli individuati, 222 organizzatori e coordinatori di muli identificati….”

E’ quindi superato il concetto di “farsi pagare” nelle Imprese?
….è sempre più fondamentale, porre in essere tutte quelle strategie con cui arginare il rischio che una “fattura saldata” non comporti un potenziale rischio reputazionale…

Marketing Mizuya



ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Inserisci la tua mail e ricevi aggiornamenti dal mondo del Credit Management

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.