Credit Manager Mizuya:”Debito buono e debito cattivo, Draghi: differenze”

Credit Manager Mizuya:”Debito buono e debito cattivo, Draghi: differenze”

Nella dialettica economica e gestionale aziendale sarà inevitabile in futuro non citare il “debito buono e debito cattivo, di Draghi”.
Il Presidente del Consiglio, infatti, lo ha ripetuto anche in occasione del recentissimo passaggio alle Camere del Ricovery Plan da inviare a Bruxelles. 

In un mio precedente articolo ho indicato il Prof. Mario Draghi come il più illustre dei colleghi in quanto sta operando, in veste di Presidente del Consiglio super partes della disastrata azienda Italia, con gli stessi criteri metodologici di un credit manager.

Ma facciamo un focus sulla affermazione: “Debito buono e debito cattivo” cosa vuole intendere Draghi? Naturalmente quando si pensa ai debiti si fa riferimento a qualcosa di negativo.
Gli impegni finanziari di oggi, ossia i debiti, dovranno essere ripagati dalle prossime generazioni.

Per Draghi, l’indebitamento è cattivo, se si spendono male le risorse finanziare europee per mantenere in vita imprese e programmi senza futuro.
Al contrario, il debito buono di Draghi può essere definito tale se i capitali vengono investiti per far crescere imprese e programmi innovativi.

Il debito buono per Mario Draghi ha la funzione di espandere il mercato e far crescere le imprese.
Il primo passo per un miglioramento generale è investire in programmi di istruzione ma anche in ricerca e sviluppo. Unitamente alla formazione del capitale umano bisogna mettere a punto il processo di innovazioni tecnologiche. Parallelamente bisogna costruire un ottimo piano d’investimento in infrastrutture fisiche e tecnologiche per attrarre capitali esteri.

Secondo Draghi, è utile contrarre dei debiti se ci sono alte probabilità di crescita nel futuro, specialmente nel medio e lungo termine. Bisogna investire per creare un’economia circolare. Un’economia che si basa su sussidi e bonus, e quindi su debiti cattivi, è destinata al fallimento. Infatti sussidi e bonus possono servire a salvare l’impresa in difficoltà, tuttavia, se poi l’imprenditore non è in grado di ristrutturare velocemente l’azienda ed agganciare nuovi mercati, è destinato a chiudere battenti. In questo modo, i soldi pubblici di cui l’imprenditore ha usufruito saranno stati sprecati.

Il ragionamento sul debito buono e debito cattivo è valido per qualsiasi azienda e sarà certamente utilizzato dal Credit Manager per argomentare e convincere l’imprenditore sulle scelte giuste da operare in azienda, scommettiamo?

Akira

 



ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Inserisci la tua mail e ricevi aggiornamenti dal mondo del Credit Management

Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.